Archiprofile

Come funziona

Informazioni Generali (6)

Archiprofile è una piattaforma per il lavoro on-line dedicata all’edilizia. Su Archiprofile, privati o società di tutte le dimensioni trovano gli esperti di cui hanno bisogno per realizzare progetti, professionisti e agenzie trovano lavoro e nuovi clienti.


Archiprofile è usato da individui privati e da imprese per trovare chi realizzerà al meglio un progetto.

Per i freelance, i lavoratori autonomi e le agenzie, Archiprofile è invece la piattaforma per trovare nuovi clienti e nuovi progetti su cui lavorare.


Possono registrarsi come clienti sia aziende che individui e associazioni.

Se scegli di registrarti come professionista/fornitore su Archiprofile, diamo per scontato che tu agisca come professionista indipendente o impresa indipendente ed è necessario attenersi alle normative fiscali presenti nel proprio paese di residenza. Pertanto, assicurati di essere in regola con le necessità legali e fiscali del tuo paese di residenza. Dai un’occhiata ai nostri Termini e Condizioni di servizio per maggiori informazioni.


Quando cerchi esperti dell’edilizia, Archiprofile è il posto migliore per trovare il talento che ti serve per completare un progetto di qualsiasi dimensione. Utilizzando Archiprofile risparmierai tempo e denaro e avrai trasparenza nella selezione dei professionisti e delle agenzie.

Puoi trovare gli esperti giusti per il tuo progetto sia invitando i professionisti o le agenzie a inviare un’offerta al tuo progetto, oppure rendendolo pubblico e consentendo a ognuno di loro a presentare un’offerta tecnica ed economica.


Se sei un professionista, un fornitore, un’impresa legata al settore edile, utilizzare Archiprofile per trovare progetti è un ottimo modo per aumentare la portata del tuo mercato e acquisire nuovi clienti. Costruendo una reputazione online affidabile su Archiprofile puoi acquisire clienti e garantirti un flusso costante di lavoro. Ancora più importante, sei tu a  scegliere quando e quanto spesso lavorare su progetti, concentrandoti su quelli che sono direttamente in linea con i servizi che offri.


Il feedback è la valutazione che cliente e fornitore si forniscono al termine di un rapporto di lavoro su Archiprofile.

Accumulare feedback positivi è fondamentale sia per il cliente che per il fornitore:

  • un cliente chiaro, affidabile e puntuale nei pagamenti sarà sempre il miglior committente per qualsiasi professionista
  • un professionista competente, talentuoso e puntuale nelle consegne avrà maggiori possibilità di essere assunto per altri progetti e lavorare con continuità

Per Archiprofile il feedback è fondamentale perché ci permette di garantire qualità e affidabilità.


Profilo (2)

Il tuo profilo è estremamente importante, in quanto fornisce informazioni complete di te come persona, come professionista e della tue capacità di lavorare con gli altri. Avere un profilo totalmente compilato è estremamente importante per la tua credibilità e per aiutarti a vincere progetti su Archiprofile.


Chi si iscrive su Archiprofile riceve n. 5 Crediti gratuiti per partecipare alle gare pubblicate. Inoltre Archiprofile accredita mensilmente n. 4 Crediti.

E’ possibile acquistare ulteriori Crediti accedendo al Pannello Utente > Crediti


Progetti (10)

Ci sono due modi per trovare un fornitore su Archiprofile:

  • Pubblicare un progetto che descriva le tue esigenze, attendere le offerte dei fornitori e scegliere quello che preferisci.
  • Accedere al Menu’ “Cerca professionista”, impostare dei filtri di ricerca (categoria dei lavori, abilità, area geografica) e contattarlo direttamente su Archiprofile.

In entrambi i casi il modo migliore per scegliere un fornitore è quello di esaminare attentamente tutte le informazioni che lui o lei ha fornito. Questo include l’offerta tecnica ed economica, il portfolio dei suoi lavori, i feedback da parte dei clienti passati.


Per pubblicare un progetto è fondamentale fornire una buona descrizione. Le buone descrizioni dei progetti forniscono molti dettagli. Per attirare i migliori fornitori sul tuo progetto, devi essere molto specifico, delineando i requisiti del progetto, il budget, le tempistiche (tappe del progetto) e ogni altra specifica, come la progettazione, la parte tecnica o i requisiti infrastrutturali connessi.


Se non sei sicuro di quanto costi il tuo progetto puoi impostare un range di prezzo utilizzando l’apposito menù a tendina presente nella scheda di pubblicazione. Poi, nella descrizione del progetto, è utile aggiungere che il budget è flessibile e aperto a suggerimenti da parte dei fornitori. In questo caso, è estremamente importante fornire una descrizione completa e dettagliata del progetto in modo che i fornitori possano presentare offerte e suggerimenti appropriati.

Si consideri che i fornitori hanno la possibilità di segnalare ad Archiprofile progetti “anomali”, cioè proposte che presentano diverse imperfezioni (descrizioni generiche, budget e tempi poco realistici ecc.). In tal caso il sito provvederà a contattare il cliente per la rettifica della pubblicazione, pena la cancellazione del progetto.


Può accadere che un fornitore sviluppi un progetto diverso da ciò che era stato concordato in anticipo. Se il cliente non è soddisfatto dei risultati ottenuti o ha dubbi sul lavoro durante lo svolgimento del progetto, è buona norma discutere subito della propria insoddisfazione con il fornitore.

Il fornitore ha un duplice interesse nel garantire la piena soddisfazione del cliente:

  • riceve il pagamento solo se il progetto è ultimato
  • può ottenere altri lavori su Archiprofile anche grazie alla tua valutazione positiva.

In caso di insoddisfazione, è possibile annullare il progetto in qualsiasi momento. Al fornitore viene automaticamente notificata la cessazione del progetto.

Importante : Archiprofile non è responsabile dei pagamenti tra cliente e fornitore  sia dopo la conclusione del progetto che nel caso in cui il progetto venga annullato.

Il nostro consiglio: definire tappe e controllare i risultati intermedi per vedere fin da subito se il progetto sta procedendo secondo le aspettative previste. Cosi facendo, in caso di disaccordi, è possibile agire rapidamente e ridurre al minimo il rischio di un progetto fallimentare.


Come cliente, è necessario contrassegnare il progetto come “completato” al fine di valutare il servizio e di lasciare un feedback al fornitore.


Su Archiprofile, i progetti rientrano nelle seguenti categorie:

  • Architettura e Ingegneria
  • 3D, Grafica e Multimedia
  • Consulenze
  • Edilizia

Inoltre ci sono una varietà di lavori all’interno di ciascuna di queste categorie che sono pensati per tutti gli operatori del mondo della progettazione e dell’edilizia.

Mentre le prime tre categorie fanno riferimento a prestazioni di tipo intellettuale in cui sono per lo più coinvolti progettisti, grafici e consulenti, i quali possono realizzare il vostro progetto anche a distanza, nella categoria “Edilizia” possiamo trovare imprese edili, fornitori di prodotti, posatori e installatori.


Il modo migliore per trovare i progetti su Archiprofile è quello di aggiungere competenze al tuo profilo e iniziare a ricevere le notifiche quando i progetti che si allineano alle tue abilità vengono pubblicati su Archiprofile.

Un altro modo è quello di sfogliare la sezione “Trova Progetti” che si trova nella parte superiore della dashboard. Qui è possibile cercare i progetti ed impostare alcuni parametri, in modo che tu possa visualizzare solo i progetti per i quali sei qualificato.


Il modo migliore per vincere progetti su Archiprofile è quello di avere un profilo completo, dei buoni feedback da parte dei clienti passati, diversi elementi nel portfolio, il collegamento a un sito web professionale o a un social dedicato alla tua attività e, soprattutto, scrivere offerte tecniche ed economiche che siano specifiche per quel progetto.


Bella domanda!

Premessa: siete architetti, ingegneri, imprenditori, professionisti del settore e, pertanto, idonei allo svolgimento della professione.

Purtroppo questo non basta. Esistono degli accorgimenti da adottare durante il lavoro e, soprattutto, durante il telelavoro.

Di seguito qualche regola d’oro:

  1. Siate accomodanti. Sostanzialmente si tratta di non mostrare dissenso quando un cliente ci propone cose diverse da quelle che ci aspettavamo.
  2. Siate convincenti. Argomentate bene la proposta, giustificate la vostra richiesta economica facendo entrare il cliente nel dietro le quinte di quelli che sono i risultati attesi. Riuscire a far capire il valore del proprio lavoro senza apparire arroganti è un’arte molto complessa che richiede anche onestà.
  3. Mostratevi affidabili. La fiducia reciproca è una componente della retribuzione che il cliente monetizza con piacere.
  4. Interessatevi. Chi vi è di fronte è una persona, ha progetti, idee, responsabilità, preoccupazioni, datori di lavoro o clienti, una posizione precisa nella catena del valore. Capire questo prima di negoziare vi permette di mirare meglio la proposta per essere utili al vostro interlocutore che sarà motivato a concedere di più.
  5. Chiaritevi i confini. Chi sta trattando con voi ha sicuramente dei vincoli: di budget, di brief, di strategia, di conoscenza. Adattate le vostre proposte ai paletti del cliente e siate flessibili in modo da dimostrarvi un potenziale alleato e non un pericoloso antagonista.
  6. Rispondete con sincerità. Anche di fronte a domande impreviste o scomode meglio essere autentici anche se apparentemente ci fosse il rischio di perdere forza contrattuale. Evitate di essere evasivi o troppo compiacenti. Soprattutto: rispondete. La contrattazione a distanza può far cedere alla tentazione del silenzio, ma silenzio corrisponde a disconferma, negazione dell’altro, situazione che può generare conflitto. Meglio dire “a questa domanda non so rispondere”, “vorrei prendermi un po’ di tempo”. L’ideale è pensare in anticipo possibili domande scomode e relative risposte.
  7. Interrogatevi sull’intenzione. A volte il contenuto di una domanda sul vostro lavoro, sul tempo che impiegate, sulla vostra formazione, sulla vita personale, può essere male interpretata. Il cliente potrebbe essere interessato a esplorare le potenzialità o a valutare il tipo di collaborazione più adatta, non a invadere la vostra privacy. Le domande aiutano a organizzare le idee.
  8. Siate lungimiranti. Il cliente che oggi vi assume su Archiprofile potrà diventare, domani, un vostro committente abituale, il vostro socio d’affari, il vostro miglior amico. Non state semplicemente lavorando, state facendo un investimento per il futuro.
  9. Siate chiari. Cercate di dare subito un quadro complessivo delle vostre esigenze in modo da aiutare l’interlocutore a fare una proposta mirata e soddisfacente. La negoziazione prevede la concessione di qualcosa di sè all’altro, un avvicinamento reciproco: se salta questo patto con continue richieste o ambiguità di contesto potrebbe sembrare che vogliate approfittarvi del cliente.
  10. Siate consapevoli. Non siete lì per giocare al mercante in fiera. Occorre sapere a cosa si tiene davvero e arrivare al confronto mantenendo salda questa consapevolezza. Se siete convinti voi sarete convincenti con gli altri e manterrete credibilità.
  11. Confrontate le proposte. Cercate di raggruppare le varie occasioni dilatando o accorciando i tempi delle contrattazioni, sempre senza pressare o essere evasivi. Se volete prendervi tempo chiedete un secondo o terzo colloquio per definire meglio il preventivo, magari proponendo degli stati d’avanzamento degli accordi .
  12. Evitate gli ultimatum. Meglio non darli e non accoglierli. L’ultimatum è una temporanea prova di forza spesso impulsiva. Nel caso si riceva si può trasformare in un ostacolo momentaneo dicendo “capisco, su questo punto vediamo se trovo il modo di venirvi incontro” e trasformate il vincolo in una proposta alternativa.
  13. Sappiate che non siete il centro del mondo. Se non ricevete risposta immediata dal cliente, se quando parlate alza il sopracciglio, non è detto che ce l’abbia con voi. Può essere distratto, preoccupato, impegnato. Rispettate il fatto di essere solo uno dei tanti pensieri di una persona e trattenetevi dal sentirvi offesi.
  14. Non chiudete le porte. Non a chiave, almeno. Se è vero che è necessario chiudere cicli per potersi focalizzare su obiettivi precisi e non farsi distrarre da altre aspettative è anche vero che le situazioni cambiano. La proposta che non andava bene oggi potrebbe essere capita e considerata utile domani. Lasciate al cliente la sensazione di poter sfruttare un’occasione con voi fra un po’ di tempo.
  15. Scegliete bene la trattativa. Non è importante che “vinciate” il confronto ottenendo tutto quello che avete richiesto, è importante che il progetto in cui vi siete volontariamente imbarcati sia quello che fa per voi, potenzi le vostre competenze e dia luogo a sviluppo professionale. Più che professionisti della negoziazione siate professionisti nel vostro lavoro, partendo dal proporre ciò che adorate fare, garanzia per un lavoro ben fatto.

Al contrario di altri portali per freelance Archiprofile non preleva commissioni sui progetti, pertanto non si assume alcuna responsabilità dei pagamenti tra clienti e fornitori. I pagamenti vengono concordati tra fornitore e cliente prima dell’inizio dei lavori. Durante il processo di selezione dovrebbero essere discussi tutti i termini contrattuali (modalità di pagamento accettate, frequenza di fatturazione, scadenze , ecc ).

Archiprofile consiglia sempre di redigere una scrittura privata prima di cominciare qualunque tipo di attività.


Salva filtro
×